LA GATA SI TRASFORMA IN UN GUSTO GELATO.

Gelatieri e pasticceri vicentini hanno lavorato insieme sulla ricetta migliore per trasferire tutte le dolci caratteristiche della Gata a un nuovo gusto gelato che vi conquisterà!


Dal 24 marzo, La Gata, si potrà assapore anche in una nuova versione “fredda”. Nel corso degli ultimi mesi, infatti, un gruppo di gelatieri e pasticceri vicentini ha lavorato sulla ricetta migliore per trasferire tutte le dolci caratteristiche della Gata a nuovo gusto di gelato, che sarà proposto nelle gelaterie vicentine aderenti al progetto a partire dal 24 marzo. Perché tale data? Perché proprio il 24 marzo di ogni anno si celebra la Giornata Europea del Gelato Artigianale istituita nel 2012 dal Parlamento Europeo per la valorizzazione e promozione di tale alimento. Non c’era quindi ricorrenza migliore per proporre al pubblico di grandi e piccini il nuovo gusto, nato ancora una volta dalla creatività e professionalità degli artigiani della nostra provincia e ora pronto a essere trasferito su coni e coppette.

 

Potrete trovare il gelato La Gata nelle seguenti gelaterie:

 

Gelateria Veronica , Via Monte Lungo 54 – Torri di Arcugnano

Gelateria La Dolce Vita, P.zza Pellizzari 17 – Arzignano

Pasticceria Da Venicio, Corso Pagani 29 – Arzignano

A Tutto Gelato, Via G. Maglietta 21 – Breganze

L' Angolo Delle Bonta', Piazza Rino Segato 1, Poianella – Bressanvido

Gelateria Roxy, Via Palladio 54 – Brogliano

Cuor Di Gelato, Via Milano 11 – Caldogno

Milleunanotte, Piazza Europa 17 – Caldogno

Gelateria Sottosopra, Via Del Popolo 22 – Carmignano Di Brenta

Bottega Del Gelato, Viale Venezia 57 – Cassola

Pasticceria Gelateria Cortese, Via Leghe 84 – Conco

Gelateria Sottosopra, Via Bellini 1 – Costabissara

Gelateria Sottosopra, Via Arasella 41 – Isola Vicentina

Gelateria Le Amarene, Via Lamarmora 1 – Longare

El Gelataro De Magre', Via Bologna 6 – Malo

Gelateria La Voglia Matta, Piazza Carli 10 – Montecchio Maggiore

Gelateria Elefantino, Via Della Repubblica 14/A – Sandrigo

Pasticceria Gelateria Secco, Via Bassano 1 – Sandrigo

Dolcesi', Via DellOlmo 19 – Santorso

Diesis Caffe', Via Ognibene Dei Bonisolo 7 – Santorso

Vaniglia E Cioccolato, Via Pasubio 54 – Schio

El Gelataro De Magre', Viale Roma 22 – Schio

El Gelataro De Magre', Via Btg. Val Leogra 13 – Schio

Pasticceria Dolci Pensieri, Via Ss. Trinita', 85 – Schio

Pasticceria Gelateria Valdagnese, Via Beccaria 18/A – Valdagno

Gelateria Sottosopra, Contra' Pescaria 24 – Vicenza

Golosi E Contenti, Via Borella 55 – Vicenza

La Golosa, Viale D'alviano 67 – Vicenza

Piccola Follia La Gelateria, Contra' Santa Chiara 10 – Vicenza

Gelateria Sottosopra, Via Verlato 28 – Villaverla



La Gata sotto la Basilica Palladiana

APRE A VICENZA UN TEMPORARY STORE CON LE ECCELLENZE DEL TERRITORIO


Dal 21 febbraio al 8 giugno 2014 in Piazza delle Erbe a Vicenza Artigianato Artistico e Alimentari d’eccellenza si uniscono in occasione della mostra “Verso Monet”

Artigianato Artistico e Alimentari d’eccellenza si uniscono in occasione della mostra “Verso Monet” Aprirà venerdì 21 febbraio in Piazza delle Erbe 13, nella storica sede di De Bernardini Giocattoli, un Temporary Store dove si potranno trovare originali idee regalo nate dalle mani esperte degli Artigiani della Provincia di Vicenza. Non solo Artigianato Artistico ma anche una selezione dei prodotti GustArti con l’obbiettivo di offrire la possibilità ai visitatori della mostra di portarsi a casa un pezzetto od un assaggio della nostra città. Il Temporary Store sarà aperto dal martedì alla domenica dalle 10:00 alle 19:00, festivi compresi. Tra le proposte ci saranno dimostrazioni delle tecniche artigianali, degustazioni e piccole esposizioni tematiche legate al Festival di Arte Giapponese, Festival Jazz, Settimana dell’Artigianato e Festival Biblico. L’Artigianato Artistico costituisce un patrimonio culturale unico che caratterizza le società nelle sue diverse epoche di sviluppo. Le imprese artigiane sono il frutto di una tradizione artistica e produttiva secolare, depositarie di conoscenze materiali e immateriali, radicate nei territori di appartenenza e difficilmente replicabili altrove. Allo stesso modo sono portatrici di valori culturali “universali” in quanto produzioni attente al design, al progetto, alla storia, che entrano spesso in rapporto con settori culturali molto diversi tra loro. "Una Provincia da Gustarti" è un progetto che nasce alcuni anni fa con l’intento di valorizzare il territorio vicentino, mettendo insieme la cooperazione sociale, il settore alimentazione dell'artigianato e il mondo agricolo-enologico. Ne risulta una generosa offerta di prodotti genuini delle aziende artigiane e agricole della nostra provincia, allestiti e commercializzati tramite percorsi di integrazione sociale. Passate a trovarci, avrete l’occasione di compiere un vero e proprio viaggio all’interno delle produzioni artigianali del territorio, alla scoperta delle meraviglie che l’arte, la genialità e la manualità dei maestri artigiani hanno saputo creare.

 



Premio "La Gata"

Mario Rebecchi si aggiudica il premio "La Gata" contro il San Paolo Padova.


Complimenti a Mario Rebecchi premiato migliore giocatore della gara Real VIcenza- San Paolo Padova, disputata il 28 marzo 2013 e finita 2-2.



Premio "La Gata"

Ciro Aliberti si aggiudica il premio "La Gata" contro il Montebelluna.


Ciro Aliberti, autore di una prova maiuscola in marcatura sul bomber del Pordenone Emil Zubin, riceve il premio "La Gata" come miglior biancorosso in campo.

Partita finita 2-2.



La Gata supporta il Real Vicenza Calcio

La Stampa assegnerà il premio "La Gata".


Consorzio La Gata sponsor del Real Vicenza, premierà il miglior giocatore in campo assegnando il riconoscimento della stampa alla fine di ogni partita giocata in casa presso lo stadio Romeo Menti di Vicenza.



La Gata a "Il Fiero"

Dal 20 al 24 dicembre Campo Marzio


Un appuntamento mensile con l'eccellenza delle attività manifatturiere e agricole vicentine, con il kilometro zero come denominatore comune.
Un mercato, ma anche un evento, una fiera, un punto di ritrovo, un'esibizione di artisti di strada. Tutto questo, ma anche qualcosa di più, a 'Il Fiero'.



Gustus Itineris

20 e 21 ottobre a Palazzo Valmarana Braga in C.so Fogazzaro


 Gustus Itineris, 20 e 21 ottobre a Palazzo Valmarana Braga in C.so Fogazzaro. Anche Consorzio La Gata avrà il piacere di partecipare a questo appuntamento dove sarà possibile assaporare, direttamente dai produttori, i migliori vini del territorio e i prodotti tipici della gastronomia locale.Vi aspettiamo sabato e domenica dalle 16:00 alle 21:00.



Antica Fiera di Primavera 1912-2012

Dall'11 al 18 maggio 2012 a Camisano la tradizionale FIERA DI PRIMAVERA in piazza della Repubblica e piazza Costituzione


Dalle ore 8:00 alle ore 18:00 in piazza Umberto I (la piazza del Comune, quella accanto alla Chiesa pricipale), lo spazio dedicato al Consorzio La Gata darà con la possibilità di assaggiare ed acquistare il Dolce di Vicenza e le altre specialità dei Pasticceri del Consorzio.

Per visualizzare correttamente il contenuto del programma:

http://www.comune.camisanovicentino.vi.it/po/mostra_news.php?jvs=0&acc=1&area=H&id=44



La Gata a Spaziocasa dal 5 al 12 febbraio 2012

8 giornate in cui potrete degustare il dolce vicentino e conoscere i Pasticceri del Consorzio che per l'occasione proporranno il meglio delle loro creazioni per un'iniziativa inedita.


Il Consorzio La Gata con i suoi soci Pasticceri parteciperanno a Spaziocasa dal 5 al 12 febbraio presso la fiera di Vicenza.

Un fitto calendario di eventi e degustazioni darà la possibilità a tutti i visitatori di assaggiare il dolce vicentino nato dalle mani dei Pasticceri del Cosorzio e acquistare tantissime altre specialità come zaeti, nuvolette e trancini di mandorle, biscotti e torte al tarassaco, ruffioli, cioccolotti, sfogliatine di cioccolato e altre dolcissime proposte.

Non mancherà la parte dedicata al bio con muffin ai frutti di bosco o crema di nocciole e cacao, brioches e saccottini al farro, fette biscottate ai cereali e semi di sesamo, lino, girasole, papavero e zucca.

Parteciperà all’evento anche Molino Filippi, partner d’eccellenza del Consorzio, fornitore delle pregiate farine come la Cuor di Mais, Nobile Marano, Fior di Mais.

Oltre alla possibilità di conoscere l’antica storia e la produzione del Mulino, potrete acquistare i suo prodotti e gustare la polentina calda scegliendo fra quella con scaglie di grane o gocce di cioccolato fondente.

Siamo al Pad. G 128 all'interno della Collettiva Artigiani

Lunedì e Martedì: 15.30 – 20.00

Mercoledì, Giovedì e Venerdì 15.30 – 22.30

Sabato: 10.00 – 22.30

Domenica: 10.00 – 20.00

 

Feriale Entrata libera

Festivo (sabato e domenica)

Intero € 5,00

Ridotto € 3,00



Da oggi "La Gata" si acquista on-line…

Da oggi è possibile acquistare i prodotti del Consorzio La Gata sul sito www.palatoveneto.it.


Potrete comodamente ordinare il dolce tipico vicentino da casa vostra e farlo consegnare dove più desiderate sia per un regalo sia per concedervi il piacere di gustare un prodotto unico.

 

Il Consorzio La Gata si avvale della cortesia e professionalità del servizio “Palatoveneto” che assicura una consegna immediata e metodi di pagamento in tutta sicurezza.

 

Palatoveneto nasce grazie alla collaborazione e all’entusiasmo di tre amici Andrea, Claudio e Flavio uniti non solo dall’amicizia ma anche dalla passione per la tavola e per il buon vino.

Tali presupposti congiunti alle specifiche competenze nel settore, la dedizione nella continua ricerca di ingredienti di qualità con provenienza da filiere controllate e certificate, l’attenzione e il rispetto verso il cliente, il servizio, la formazione ed informazione continua per migliorare la competenza, hanno permesso di trasformare un’ambiziosa nuova idea in una realtà concreta.

 

Palatoveneto si pone al servizio del consumatore proponendo al visitatore prodotti appartenenti alla territorialità veneta e alle antiche ricette e usi dei nostri luoghi.

Oltre ai prodotti del Consorzio La Gata, Palatoveneto propone vini, distillati, confetture, miele, olio, dolci, pasta, accessori e tutto quello che può offrire di buono la nostra regione Veneto..

 

Il sito ricco di prodotti e  informazioni, è di semplice e rapida consultazione e oltre ad offrire spunti interessanti come squisite ricette venete, consigli dello chef e del sommelier propone una semplice guida per l’acquisto on-line

 

Palatoveneto assicura:

 

● rapidità nella consegna;

● spedizioni affidate e garantite dai migliori corrieri;

● pagamenti sicuri che consentono la protezione dei dati grazie a innovativi sistemi di sicurezza e di prevenzione delle frodi.

 

Palatoveneto consegna sia in Italia sia all’estero.

 

Web: http://www.palatoveneto.it

e-mail: info@palatoveneto.it

e-mail-pec: palatovenetosnc@legalmail.it



D.D.&D. DaviDelicatezze & Dintorni di Davide Busato- Bar Pasticceria Gelateria

Inaugurazione domenica 6 novembre ore 17:30


Busato, ovvero quando l'arte pasticcera è una tradizione di famiglia, una passione e professionalità che si tramandano di padre in figlio.

Davide Busato vi aspetta con un grande buffet all'inaugurazione del suo nuovo Bar Pasticceria Gelateria, Domenica 6 novembre alle ore 17:30 in via Camisano, 62.

Per informazioni 0444/510607  pasticceriabusatodavide@gmail.com



Premiato Il Molino Filippi

Il Molino Filippi ritira il premio alla Cerimonia di premiazione di 150 Imprese centenarie iscritte nel Registro delle Imprese storiche italiane


Alle radici del futuro dell’Italia c’è il anche popolo delle imprese, di quelle che oggi hanno 150 anni, come l’Italia unita. A loro e ai loro eredi oggi pienamente operativi sui mercati è stata dedicata la 133ª Assemblea degli amministratori delle Camere di commercio.

L’appuntamento annuale del sistema camerale è stato infatti l’occasione per premiare 150 imprese storiche italiane, selezionate su tutto il territorio nazionale dalle Camere di commercio, e per raccogliere le esperienze e le testimonianze di alcuni italiani di “eccellenza” che, in diversi settori, contribuiscono a dare lustro al nostro Paese.

Il Molino Filippi rappresenta l’imprenditoria italiana che è riuscita a mantenere tradizione, qualità e professionalità per due secoli, quattro generazioni dal lontano 1780. Per questo motivo è stato insignito di questo importante riconoscimento che testimonia la capacità dei nostri imprenditori di adattarsi e crescere con le nuove tecnologie, con le lavorazioni moderne, tenendo a bada un mercato che, in continua evoluzione, non aspetta chi rimane indietro.

La manifestazione è stata aperta dal presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello.
Sono intervenuti il Ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, il Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, Renato Brunetta e Ermete Realacci, presidente della Fondazione Symbola.

Sono seguite le testimonianze di Dario Di Vico, giornalista del Corriere della sera, Giovanna Ferragamo, imprenditrice della moda, Lucia Votano, fisico e Direttore dell’Istituto nazionale di fisica nucleare del Gran Sasso, Maria Grazia Cucinotta, ambasciatrice di italianità.



La Gata a Roma

Il nostro presidente ha portato La Gata alla Città del Gusto del Gambero Rosso assieme agli altri prodotti vicentini. Buona Visione


Vi ricordate che poche settimane fa siamo scesi a Roma? Con Vicenza Qualità abbiamo presentato alla stampa specializzata e agli operatori del settore i prodotti vicentini. Alla Città del Gusto a parlare della nostra Gata c'era Carlo Pozza.
Con lui nel filmato che potete vedere qui anche il noto chef del Gambero Rosso Simone Rugati. Siete curiosi di vedere a cosa ha abbinato il dolce? E allora buona visione!



Perchè ci chiamano Vicentini Magnagati

Antonio Di Lorenzo è il Vicedirettore de Il Giornale di Vicenza. Nonchè autore del libro "Perchè ci chiamano Vicentini Magnagati" in cui parla anche de La Gata


Antonio Di Lorenzo è un giornalista vicentino, o meglio il Vicedirettore de Il Giornale di Vicenza. Suo è il libro Perchè ci chiamano vicentini magnagati (Terraferma editore, 15 euro), scritto per capire il perchè di questo appellativo che l'autore si è sentito ripetere perfino da un egiziano sul Mar Rosso.
E proprio all'interno della sua ricostruzione storica sulle possibili ragioni di questa fama, si inseriscono due pagine dedicate a La La Gata e al nostro progetto.
Cliccando qui troverete nella parole dell'autore la storia della nascita del dolce vicentino.
E se volete scoprire qualcosa in più sul libro vi consigliamo la recensione di Gian Antonio Stella sul Corriere. Buona lettura!



A Gambero Rosso Channel

La trasmissione di Sky ha dedicato un servizio alla presentazione dell'enogastronomia vicentina alla Città del Gusto. In onda il 25 e 26 dicembre


Vi abbiamo già parlato della nostra avventura con Vicenza Qualità a Roma, alla Città del Gusto. Ma non vi avevamo ancora detto che presenti erano anche le telecamere del Gambero Rosso Channel, la tv interamente dedicata alla conoscenza e alla cultura del cibo e del vino.
Le telecamere hanno ripreso tutti i momenti dell'incontro tra La Gata e i prodotti vicentini con la stampa, compreso il divertente cooking show con Simone Rugati. La messa in onda del servizio è previsto per sabato 25 dicembre alle 7 e alle 21 e domenica 26 dicembre alle 11. Sintonizzatevi!



La Gata sul Giornale di Vicenza

Carlo Pozza ha presentato La Gata alla Città del Gusto. Ne ha parlato il Giornale di Vicenza


La settimana scorsa siamo stati alla Città del Gusto del Gambero Rosso. Vicenza Qualità ha presentato alla capitale i prodotti tipici vicentini. Per La Gata c'era il nostro Carlo Pozza che ha servito il dolce con una crema di zabaione al Torcolato di Breganze. Insieme a La Gata altri nomi importanti della cucina vicentina. L'Asiago, la Sopressa Vicentina, il Bacalà, il Mais Marano, l'olio extra vergine di oliva dei Berici e del Grappa, le patate vicentine di pianura e montagna e il Prosciutto Veneto Berico Euganeo. In cucina due maestri della nostra provincia: Nicola Portinari de La Peca e Antonio Dal Lago del Casin del Gamba.
Una bellissima esperienza a cui il Giornale di Vicenza ha dedicato un articolo. Lo potete leggere qui.



A Natale, La Gata è ancora più buona!

La nostra Gata appoggia il progetto umanitario "Una mano aiuta l'altra" attraverso un divertente omaggio


Parte un bellissimo progetto in collaborazione con “Una mano aiuta l’altra”, onlus impegnata ad aiutare e istruire dei bambini in Brasile. Da dicembre se acquistate una Gata riceverete in omaggio il libro di barzellette “Il ristor-attore racconta” scritto da Michele Cisco, uno dei volontari dell’associazione, per raccogliere fondi.  
“Una mano aiuta l’altra” opera in Brasile, dove il sacerdote vicentino Giovanni Gentilin istruisce e ospita i bambini in difficoltà all’interno della sua missione ai margini di una bidonville.
Il libro contiene la prefazione del grandissimo Massimo Lopez nonché tutte le informazioni necessarie per una eventuale donazione.
Si tratta dunque di un’iniziativa molto bella, che dà la possibilità di avere un doppio vantaggio: di gustare la nostra squisita Gata e di passare un Natale in allegria accompagnati dalle esilaranti barzellette di Michele!



La Gata vince il premio "Torta del territorio"

Ad "Alimentazione su misura" sfida all'ultimo assaggio con la Kodinza bellunese, il Segno trevigiano e il dolce Gran Dotori del padovano. Primo premio: La Gata!


La nostra Gata si è aggiudicata la fascia di "Torta del territorio". Farina di grano e di mais vicentini, latte e burro di latteria, miele di acacia, mandorle e cacao, grappa vicentina. Questi gli ingredienti che hanno sedotto il pubblico e ci hanno permesso di vincere la sfida golosa con la Kodinza bellunese, il Segno trevigiano e il dolce Gran Dotori del padovano. Tutti dolci nati dai pasticceri della Confartigianato del Veneto.
Il concorso si è svolto domenica 10 ottobre in occasione di Alimentazione su Misura a Padova. Nel corso di tutta la giornata i visitatori della fiera sono stati invitati ad assaggiare le quattro invenzioni dei pasticceri di Belluno, Padova, Treviso e Vicenza ed esprimere una preferenza.
A fine giornata il verdetto: La Gata è miss "La torta del territorio". Grazie a tutti!



Vicentini Magnagati, par la gata tutti mati!

Vanno a ruba le t-shirt "Veneton", magliette con scritte divertenti in dialetto veneto. Tra queste anche quelle dedicate al nostro dolce


"Vicentini magnagati, par la gata tutti mati". Questa la frase che trovate sulle nostre t-shirt Veneton, 100% vicentine. Le abbiamo realizzate un pò di tempo fa con i ragazzi che hanno ideato la linea di magliette Veneton con scritte ironiche in dialetto veneto. L'obiettivo di far conoscere il nostro dolce è stato raggiunto dato che le t-shirt vanno a ruba. Ne hanno parlato qualche giorno fa anche sul Giornale di Vicenza, potete leggere l'articolo qui. Per acquistarle invece basta entrare nel sito Veneton ed entrare nella sezione "Acquista on line". Con la vostra maglietta Veneton potrete partecipare al simpatico concorso "Porta Veneton in vacansa" in premio magliette pensate ad hoc per il l'occasione. In bocca al lupo!



Gatei protagonisti dell'estate

I nostri Gatei piacciono a tutti. Tanto che ne parlano sui numeri estivi di Dolcesalato e Pasticceria Internazionale.


Sono freschi al tarassaco di Conco o enigmatici come i fagottini all'arancia. Ma anche romantici come i Baseti del Ponte Vecio o inimitabili come i Pandoi de Schio. I nostri Gatei non passano inosservati tanto che due riviste importanti del settore come Dolcesalato e Pasticceria Internazionale ci hanno dedicato spazio nelle loro pagine. Scegliete i vostri Gatei preferiti, ce n'è per tutti i gusti e farete un figurone nelle vostre cene d'estate. Buone vacanze!



La Gata su Mondo Agricolo

Stefano Cantiero ha dedicato un servizio speciale alle eccellenze vicentine. Telecamere puntate anche sul nostro dolce


Vita da star per la nostra Gata! Stefano Cantiero ha voluto raccontare l'avventura del nostro dolce nella sua trasmissione Mondo Agricolo. Il simpatico conduttore, che da poco ha pubblicato il suo ultimo libro "Gustando Vicenza", ha intervistato il nostro presidente Carlo Pozza.
Stefano è andato a caccia dei segreti e degli ingredienti del nostro dolce. Non sono mancate delle riflessioni sul rapporto tra le novità enogastronomiche e le ricette della tradizione. Carlo non si è lsaciato intimorire e ha raccontato questa nuova perla vicentina che, pur essendo una novità, affonda le sue radici nelle tradizioni e per questo profuma di autenticità.
Potete vedere l'intera intervista qui.



Il nuovo è catalogo on line

Grosse novità per il Consorzio: sono nati tantissimi nuovi prodotti


Fiocchi rosa e azzurri per La Gata. La passione e la voglia di rimettersi in gioco dei nostri pasticceri non si è mai spenta. Il risultato? La nascita di nuovi golosi prodotti. Sfogliatine, cantuccini, zaeti. Parpagnacchi, lingue di gato e arancini. E tanti altri ancora. Sono prodotti semplici e genuini, espressione di un territorio, secondo lo stesso principio che ha ispirato La Gata. Con entusiasmo, curiosità e creatività. Li troverete nei negozi dei nostri pasticceri e non potrete non notarli. In ogni confezione ci sarà il marchio de La Gata.

Potete vedere il catalogo completo dei nuovi prodotti cliccando qui:
http://www.studiocru.com/d/catalogo_gata.pdf



Il nuovo è catalogo on line

Grosse novità per il Consorzio: sono nati tantissimi nuovi prodotti


Fiocchi rosa e azzurri per La Gata. La passione e la voglia di rimettersi in gioco dei nostri pasticceri non si è mai spenta. Il risultato? La nascita di nuovi golosi prodotti. Sfogliatine, cantuccini, zaeti. Parpagnacchi, lingue di gato e arancini. E tanti altri ancora. Sono prodotti semplici e genuini, espressione di un territorio, secondo lo stesso principio che ha ispirato La Gata. Con entusiasmo, curiosità e creatività. Li troverete nei negozi dei nostri pasticceri e non potrete non notarli. In ogni confezione ci sarà il marchio de La Gata.

Potete vedere il catalogo completo dei nuovi prodotti cliccando qui:
http://www.studiocru.com/d/catalogo_gata.pdf



Molino Filippi - Castelnovo di Isola Vicentina

Molino Filippi da poche settimane è diventato socio del Consorzio La Gata. La sua farina, dal timbro autentico vicentino, si intende alla perfezione con lo spirito del nostro dolce. Il nostro benvenuto felino con un'intervista a Silvia Filippi.


L'azienda in poche parole
Due secoli di esperienza per quattro generazioni. L'inizio della storia della nostra azienda risale a 200 anni fa. Già nel 1780 infatti a Valli del Pasubio i bisnonni di mio padre, Antonio e Domenico, si mantenevano con il vecchio molino, con le ruote in pietra azionate dalla forza dell'acqua. Poi uno dei figli decise di spostare l'attività in pianura, a Castelnovo, dando inizio ad una nuova avventura: sempre mais, ma la macina in acciaio. Macchinari moderni quindi, con metodi di lavorazione tradizionali. Oggi il traino dell'azienda è mio padre Rino, che ha insegnato il lavoro a me e ai miei fratelli, Roberta e Antonio. Con vera passione e esperienza.

I segreti della vostra farina
Tutto inizia dal chicco del mais. Viene lavato e spellato, fino ad ottenere un prodotto base assolutamente puro. In questo ci vengono in aiuto i macchinari che, essendo in acciaio, non inquinano il chicco con altri sapori. Possiamo vantare quindi un prodotto finale salubre e genuino, perchè fin dalle prime fasi di lavorazione viene preservato il suo patrimonio nutrizionale. Senza dimenticare che il controllo della filiera, fin dalla raccolta, permette un prodotto certicato. La qualità è fondamentale.

Quale farina consigliate per la preparazione de La Gata?
Senza alcun dubbio la Fior di Mais. Una farina speciale macinata in un secondo processo, che vanta una granolusità molto fine, perfetta per realizzare impasti per i dolci e i prodotti da forno in genere. Senza dimenticare che è senza glutine, nemico di tante persone.

Perchè credete nel progetto la gata?
Quando ci hanno proposto questo progetto abbiamo subito pensato, perchè non ci dedichiamo anche alla pasticceria? Un matrimonio perfetto tra sapori autentici del territorio.

Buon lavoro alla famiglia Filippi!



Benvenuto Molino Filippi!

Molino Filippi produce farina di mais a Castelnovo di Isola Vicentina. Da pochi giorni è entrato nel nostro consorzio per portare nuova fraganza alla nostra Gata


La famiglia Filippi dal 1780 produce farina di mais. Biologica e di qualità. Farina di mais, tra gli ingredienti principe del nostro dolce, che porta il sapore del territorio vicentino. Molino Filippi da qualche giorno è entrato come socio nel nostro Consorzio, per portare alla Gata un ingrediente di qualità, che sarà sapientemente lavorato dai nostri pasticceri. Non ci resta che augurare buon lavoro alla famiglia Filippi!



Il Gata Day continua

Gatei in degustazione a Piaceri e Peccati a Vicenza


Vi state mordendo le mani perché sabato scorso non siete potuti venire al Gata Day? Non dormite la notte perché non avete ancora assaggiato i nostri prodotti?
Poco male, abbiamo la soluzione: fate un salto da Piaceri e Peccati, in Corso Palladio a Vicenza. Potrete assaggiare i Gatei e respirare un po' dell'atmosfera che si respirava sabato in Piazza Castello. 
Un avvertimento: purtroppo niente clown Linda e niente palloncini.
Il Gata Day era promosso dall'EBAV - Ente Bilaterale Artigianato Veneto



La Gata a Gitando

Saremo ospiti nello stand di Vicenza è alla manifestazione in programma in fiera a Vicenza


In fiera a Vicenza, in questi giorni, è in programmazione Gitando, il salone del campeggio, delle vacanze e del tempo libero. Saremo ospiti per l'occasione dello stand di Vicenza è con La Gata e gli ultimi nati Gatei. Una vetrina importante per far conoscere a visitatori e turisti i nostri prodotti



I bimbi al Gata Day

Clown Linda ha dipinto i visi dei bambini con le sembianze di gatto. Troverete tutte le foto nella sezione "immagini"


Sabato 20 marzo a festeggiare con noi il Gata Day c'era Linda, un simpatico clown che ha decorato i visi dei bimbi. Sulla sezione immagini del nostro sito potete vedere le foto colorate dei piccoli gattini in piazza. Grazie a tutti per la partecipazione!
L'iniziativa era promossa dall'EBAV - Ente Bilaterale Artigianato Veneto



Il Natale de La Gata

In questi giorni di festa sono tempi frenetici per i nostri pasticceri. Tutti impegnati a regalarvi dolcezza e bontà


A Natale La Gata e i suoi gatini sono richiestissimi: li aspettano pranzi e cenoni, mercatini e bancarelle. Ma non potevano mancare i più sinceri auguri di buone feste dei nostri pasticceri. Buon Natale e felice anno nuovo!



Pasticceria Viale della Pace - Vicenza

Si conclude a Vicenza il tour tra i pasticceri. Dulcis in fundo Davide Busato della Pasticceria Viale della Pace


Il tuo negozio in poche parole
La storia della mia famiglia in pasticceria inizia nel lontano '84, quando mio padre ereditò il negozio del fratello. Da allora con impegno e passione io e mia sorella Michela gestiamo l'attività con l'aiuto dei nostri genitori. La nostra missione quotidiana è quella di instaurare un rapporto di complicità e rispetto con il cliente. Per questo siamo sempre pronti ad ascoltare le loro richieste. Con entusiasmo e volontà.

Perchè La Gata è unica
L'unione fa la forza, dice il proverbio. E questo detto calza a pennello sul significato del consorzio La Gata. Ognuno dei 22 pasticceri ha portato all'interno del gruppo suggerimenti e stimoli per crescere. La concorrenza è un terreno poco fertile che porta solo alla rivalità. Tutti insieme siamo un vulcano di idee e iniziative. E il risultato lo possono aprezzare tutti. Un dolce ben studiato che raccoglie le esperienze di veri professionisti della pasticceria.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?

Un angelo del gusto. Angelo in origine significava messaggero. E in pasticceria il messaggio che porta attraverso le sue creazioni è quello della bontà e della qualità. Il diavolo rappresenta il disordine, l'eccesso. Mentre il dolce deve essere il risultato di un'armonia di sapori e di colori. In una parola: equilibrio.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata
Una versione di zabaione più liquida. Un esperimento che stiamo portando avanti nel nostro negozio. L'idea è quella di abbinare al dolce una porzione monodose della crema. E perchè no? Potrebbe diventare un nuovo prodotto marchiato La Gata.

Si conclude con Davide il tour di interviste de La Gata. Tutti gli intervistati ci hanno accolto con simpatia e cordialità. Un grazie di cuore a tutti i pasticceri del consorzio.



Pasticceria Fabris - Lugo di Vicenza

Questo mercoledì Federica ci racconta la storia della Pasticceria Fabris. Che con entusiasmo gestisce insieme al marito Edek


Il tuo negozio in poche parole
Familiare e ospitale. Mio marito Edek viene da una famiglia in cui fare pasticceria è da 45 anni un lavoro e una passione. Questo negozio è l'eredità di suo padre. Io sono inciampata in questo mondo grazie all'amore per lui e ora è diventato la mia vita. In negozio i ruoli sono ben definiti: Edek è l'estro creativo, io la coordinatrice. La nostra produzione varia dai gelati ai mignon, dai semifreddi alle torte nuziali. Il nostro segreto? Attenzione per il cliente e scelta degli ingredienti migliori.

Perchè La Gata è unica?
Perchè è artigianale e quindi inimitabile. Tutti i pasticceri de La Gata seguono la stesa ricetta, ma il risultato è sempre diverso. Ogni Gata ha una voce unica, perchè racconta i segreti del pasticcere che la realizza. E allo stesso tempo parla con i prodotti delle terre di Vicenza, il comune denominatore che ci tiene uniti in questo progetto. La Gata è unicamente vicentina.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?

Assolutamente diavolo tentatore. E dando questa risposta nella mia mente si materializza l'immagine di mio marito Edek che nei suoi momenti di estasi creativa gira per il negozio a far assaggiare ai clienti le sue creazioni. Non è raro vederlo tra i tavoli con il cucchiaino per far testare al cliente una crema. Un simpatico tentatore che corrompe con le sue delizie i clienti.

Un abbinamento insolito con La Gata
Gelato alla crema. La freschezza del gelato e la morbidezza del dolce sono un binomio splendido. Impeccabile se decorato con alcune scaglie di cioccolato, in accordo con le note calde de La Gata.

Ringraziamo Federica per la sua gentilezza e vi diamo appuntamento alla prossima setttima.



Panificio Rizzato Gabriella - Thiene

Il tour trai produttori de La Gata è quasi in via di arrivo. Oggi conosciamo meglio Gabriella del Panificio Rizzato


Il tuo negozio in poche parole
Una scelta di vita. La storia del nostro panificio coincide con l'inizio del matrimonio con mio marito e il desiderio di costruire qualcosa di nostro. La passione per il pane, i sapori genuini e il gusto naturale ci hanno spinti in questa direzione. Lavoriamo nel settore biologico, tutti i nostri prodotti sono certificati e vendiamo solo a negozi specializzati. La nostra esperienza si basa sugli insegnamenti dei contadini, che ci hanno trasmesso amore per il prodotto e il lavoro. Facciamo continua ricerca sui grani antichi, utilizziamo solo lievito madre e cuciniamo con il forno a legna. Tutto questo per passione per le cose semplici.

Perchè La Gata è unica?
Noi possiamo dire che La Gata Rizzato è unica perchè siamo i soli a produrla biologica. Usiamo il farro al posto del frumento, lo zucchero di canna e non raffinato, il mais e il burro sono certificati biologici. Il farro in particolare ha già di suo un gusto dolce e questo ci permette di utilizzare meno zucchero. Esteticamente risulta un po' più bassa, ma il sapore è assolutamente da provare.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?
Angelo del gusto senza esitazioni. Il motivo? Proteggiamo i nostri clienti con una ricerca del prodotto. Il nostro cliente è molto sensibile al sapore, al gusto di ogni ingrediente. Chi entra nel nostro negozio non è un'amante delle cose dolci, ma di un sapore genuino. Per questo motivo tutti i dolci sono fatti con il 35% in meno di zucchero rispetto ai dolci normali. E poi scegliamo farine alternative come il farro e il kamut. E prediligiamo lo zucchero di canna. Tutto questo per rispondere alla richiesta del nostro mercato.

Un abbinamento insolito con La Gata
Con il gelato. Tra tutti i gusti in particolare menta e amarena. Gusto morbido e avvolgente de La Gata si lascia stuzzicare dalla freschezza del gelato. Noi siamo riusciti a convincere gli amici più scettici a degustarla anche in estate. Provare per credere!



Pasticceria Scortegagna - Quinto Vicentino

È ormai una piacevole abitudine chiacchierare con i nostri pasticceri artigiani. Questo mercoledì incontriamo Fernando della Pasticceria Scortegagna.


Il tuo negozio in poche parole
Il nostro negozio nasce a Quinto Vicentino come laboratorio artigianale e tale è rimasto nel tempo. 35 anni di vita in cui abbiamo sfornato gustosità sia dolci che salate. Il nostro nome è ben conosciuto in paese e non solo. Da noi vengono sia privati che ristoratori del territorio. Il nostro obiettivo? Offire sempre prodotti genuini.

Perchè la Gata è unica?

Semplice. Perchè ha il marchio registrato e questo significa che nessuno può copiarla. Ma non è solo una questione legislativa. Per fare parte del consorzio bisogna prima dimostrare di essere all'altezza del prodotto e solo i soci conoscono la ricetta nel dettaglio. Questo è sinonimo di un prodotto eccellente, degno rappresentante del territorio berico.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto

Entrambi. I dolci sono da sempre presenti nella storia delle cucine di tutte le classi sociali. E da sempre il pasticcere è stato da una parte un invito al peccato di gola, dall'altra un sapiente maestro dei segreti del gusto. Una tentazione perdonabile, perchè fatta di prodotti genuini.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata

Un vino dolce per esaltare i profumi del cioccolato, escludendo però un passito. Penso ad un Recioto di Gambellara, un paese del vicentino. Un perfetto matrimonio tra sapori berici.

Ringraziamo Fernando e vi diamo appuntamento alla prossima settimana.



Tour in barca a vela per La Gata

Il vicepresidente Mario Sarri ha portato il nostro dolce nei porti della Croazia. Grande accoglienza


Sempre più internazionale la nostra Gata. Ha appena finito di solcare il mare Adriatico a bordo di una barca a vela. Lo skipper? Il nostro vulcanico vicepresidente Mario Sarri, della Pasticceria Dolce Bassano. Un vero e proprio tour, che ha deliziato abitanti e turisti della Croazia. Ad ogni porto infatti l’equipaggio ha fatto dono di fette del nostro dolce alle persone incontrate sulla darsena e nell’entroterra. Grande il successo raccolto dall’equipaggio, dotato di dolce, coltello e vestito con la rossa maglietta della passione gattesca. Adesso aspettiamo la visita a Vicenza di tutti gli amici incontrati lungo la strada, per visitare le bellezze della nostra provincia, le architetture del Palladio e assaggiare, nelle nostre pasticcerie, La Gata con un calice di vino vicentino.
Per La Gata un nuovo colpo da maestro verso la gattizzazione del mondo. 
Al vicepresidente, che ha dedicato parte delle sue vacanze per la promozione del nostro Consorzio e della nostra Gata, un grossissimo ringraziamento.
Grazie Mario!



Pasticceria Bar Gelateria Secco

Eccoci per l'ormai consueta intervista settimanale. Oggi conosciamo Enrica Secco di Sandrigo


Il tuo negozio in poche parole
La nostra storia è cominciata una ventina di anni fa. Nel '91 con mio fratello Denis abbiamo dato vita ad un laboratorio artigianale che nel tempo si è affermato come pasticceria. I ruoli sono subito stati chiari: Denis crea, io vendo. Lui inventa, sperimenta. Io cerco di trasmettere la sua passione ai clienti. La sua specialità? Il dolce millefoglie. Recente è il rinnovo del locale. Abbiamo scelto colori moderni come l'argento e il nero. Segno di innovazione continua.

Perchè La Gata è unica
Perchè è stata voluta. Nulla è stato lasciato al caso nella creazione del primo dolce vicentino. I pasticceri, gli ingredienti, la confezione: tutto è stato frutto di un'azione coordinata. Questo nella volontà di creare qualcosa di unico e originale.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?
Non ho buoni rapporti con il diavolo quindi dico angelo del gusto. Mio fratello Denis mette amore nel proprio lavoro. Amore per il prodotto, amore per il cliente. Il suo mondo è il laboratorio e lì confeziona il meglio per chi compra. Solo eccellenza della qualità, frutto della passione per l'arte della pasticceria.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata

Una crema calda ai frutti di bosco. I frutti di bosco con il loro profumo ed il loro gusto leggermente acidulo stemperano la ricchezza del cioccolato creando un connubio perfetto. E la crema servita calda esalta i profumi speziati de La Gata.

Ringraziamo Enrica e vi diamo appuntamento tra 7 giorni



Pasticceria Da Bruno - Recoaro Terme

Recoaro Terme è la "Conca di Smeraldo" ai piedi delle Piccole Dolomiti. Qui conosciamo Moreno Spanevello, titolare della Pasticceria Da Bruno.


Il tuo negozio in poche parole
Pasticcere per vocazione, mi sono lasciato sedurre da quest'arte grazie ai miei genitori che nel 1967 hanno aperto il negozio. Una storia di famiglia quindi, Bruno era mio padre. Negli anni la pasticceria si è affermata, diventando il punto di riferimento del paese. E oggi io continuo a credere nella qualità e nella semplicità degli ingredienti che hanno reso importante il mio negozio.

Perchè La Gata è unica

Perchè ha un ingrediente segreto: l'amicizia. L'amicizia tra i pasticceri vicentini che hanno creato questo dolce. Senza questo ingrediente La Gata non esisterebbe. Personalmente questa esperienza mi sta arricchendo molto, stimola la mia voglia di imparare. L'incontro tra colleghi è fondamentale, l'importante è che alla base ci sia fiducia ed esperienza. I pasticceri sono artisti, sono agenti esplosivi, che insieme possono produrre disastri ma anche cose meravigliose. Come in questo caso.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?
Assolutamente diavolo tentore. La nostra indole è quella di tentare il cliente. Dobbiamo rendere quanto più appetibile i nostri prodotti, facendo leva sull'estetica per veicolare la qualità. Anche l'occhio vuole la sua parte.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata
Azzardo qualcosa di veramente insolito. Gelato alla cannella. L'ho sperimentato in prima persona e questo originale accostamento mi ha piacevolmente sorpreso. La freschezza del gelato e l'aroma pungente della cannella ben si sposano con i sapori de La Gata. Provare per credere.

E come ci ha augurato Moreno: buona Gata a tutti!



Pasticceria Tosato - Sossano

Sossano si trova tra il verde dei Colli Berici. Ed è qui che tanti anni fa è nata la Pasticceria Tosato. Conosciamo Alberto, figlio del fondatore.


Il tuo negozio in poche parole
Mio padre ha aperto la pasticceria circa 40 anni fa. E io continuo sulla sua strada, dedicandomi a confezionare dolci e pasticcini. Cerco di rispondere ai gusti di tutti i clienti, ma le torte più richieste rimangono sempre la Millefoglie e il pan di spagna farcito alla frutta. Segno che i sapori classici non tramontano mai. L'anno scorso ci siamo ingranditi con l'apertura di  un secondo negozio, a Noventa Vicentina. Ora non ci resta che continuare a crescere.

Perchè La Gata è unica
Perchè non vuole essere la copia di nessuno. La Gata è stata creata da zero, solo con le forze e la fantasia di sette pasticceri vicentini. Non esiste un altro dolce simile e rispecchia i sapori del territorio. In un altro aggettivo la definirei semplicemente autentica.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?

Il pasticcere ha una doppia faccia, come tutte le medaglie. Come diavolo tenta al peccato di gola i suoi clienti. Difficile resistere alla tentazione tra confetture, creme e cioccolato. Ma è un falso peccato perchè il pasticcere propone qualità. Un angelo di golosità genuine che non possono che fare del bene a chi le prova.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata

In questi giorni abbiamo respirato i primi profumi dell'autunno. Penso quindi ad una salsa ai frutti di boschi o ai mirtilli. Richiamano i colori e i sapori del bosco. E l'acidità di questi piccoli frutti attenua il sapore forte del cioccolato. Un'alternativa allo zabaione e al Torcolato, che già hanno dimostrato il loro perfetto abbinamento con gli ingredienti de La Gata.

Ringraziamo Alberto Tosato e vi aspettiamo mercoledì prossimo per una nuova intervista.





Pasticceria Gelateria Cortese - Conco

Questa settimana ci spostiamo a Conco, comune dell'Altopiano di Asiago. E conosciamo meglio Ilario, titolare della pasticceria Cortese


Il tuo negozio in poche parole
Accogliente, caldo, familiare. Il mio negozio si esprime con i prodotti del territorio ed è erede della storia di famiglia. La pasticceria è stata fondata da me e i miei fratelli nel 1981, un'evoluzione del panificio di nostro padre. In questi anni siamo cresciuti, abbiamo rinnovato il negozio ma siamo rimasti fedeli ai sapori genuini. E con questa filosofia l'anno scorso ci siamo consorziati a La Gata, il dolce simbolo della nostra città.

Perchè La Gata è unica
Per diverse ragioni. È la prima torta di Vicenza, fatta esclusivamente con prodotti di qualità. Non da meno ha una confezione originale che contiene una divertente decorazione. Tutti possono creare le zampine di zucchero a velo con le formine che si trovano all'interno della scatola. In ultimo, ma non in ordine di importanza, La Gata ha alle sue spalle un gruppo affiatato. Tutte le idee sono frutto di un lavoro di squadra, valore in cui io credo molto.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?
Entrambi. Diavolo in un primo momento, quando il pasticcere tenta la gola del cliente. Il nostro lavoro significa anche curare la vetrina del negozio e presentare i dolci prestando cura ai colori e all'estetica. Ma il pasticcere diventa poi angelo, perchè quello che vende si svela essere un prodotto delicato e di qualità. Il cliente viene accolto nel paradiso delle delizie.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata
Un vino passito o un vino secco, come il Vespaiolo, tipico della zona di Breganze. Per i più golosi invece una mousse allo zabaione o un pallina di gelato al fior di latte per le giornate più calde.



Pasticceria Faccin Mariano - Zanè

Ci spostiamo oggi nel piccolo centro dell'est vicentino per conoscere Mariano e il suo negozio


Il tuo negozio in poche parole

La mia pasticceria ha circa 30 anni di storia e fa ormai parte integrante del centro storico di Zanè. È una pasticceria esclusivamente da asporto, che tiene in grande considerazione la qualità delle materie prime e la soddisfazione del cliente.

 

Perché La Gata è unica?

Perché nasce dal lavoro di squadra di ottimi professionisti. A me è interessato subito entrare nel consorzio perché secondo me è un dolce che esprime bene la vicentinità e ed è un ottimo biglietto da visita per noi pasticceri nei confronti dei turisti stranieri e italiani che visitano la nostra provincia.


Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?

Non credo proprio che possiamo essere definiti dei diavoli tentatori, quindi non posso che rispondere che noi pasticceri siamo angeli del gusto. Gusto che si esprime nel lavoro di tutti i giorni, nella ricerca di ingredienti di massima qualità, freschi e lavorati ad arte.


Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata

Più che un abbinamento insolito io ritengo che l’abbinamento ideale del nostro dolce sia rappresentato dal Torcolato di Breganze, che riesce a supportare al meglio anche la presenza del cioccolato nell’impasto. La sua acidità aiuta anche a pulire il palato e ti permette di gustare a fondo ogni boccone del dolce.



Pasticceria Casa del Dolce - Trissino

Dopo la pausa estiva ritorniamo con le interviste ai nostri pasticceri. Questa settimana conosciamo Alessandro Righetto, della Casa del Dolce di Trissino.


Il tuo negozio in poche parole
Casa del Dolce da un paio d'anni si è spostata in un nuovo locale a Trissino. Uno spazio annesso al laboratorio che appare raffinato e funzionale. L'apertura del nuovo negozio è recente ma la nostra storia raccoglie la passione di una famiglia, tutti uniti nel preparare dolci di qualità da 25 anni. Io ho ereditato con entusiasmo e responsabilità questa attività e mi dedico alla ricerca del meglio per i miei clienti.

Perchè La Gata è unica
Perchè è la giusta sintesi di un lavoro di squadra. Un gruppo formato da pasticceri esperti e preparati. Questo significa che ognuno ha portato in questo dolce la sua conoscenza e i suoi segreti.  In più in questo modo siamo costantemente rivolti alla ricerca di un qualcosa, soprattutto all’esplorazione, alla novità. Lavorare in un gruppo affiatato non può che portare in alto.

Il pasticcere: diavolo tentatore o angelo del gusto?
Angelo del gusto. Ricerco sempre il meglio per i miei clienti, sono custode di ingredienti buoni e genuni. È lontanta da me la filosofia del diavolo tentatore che ha come unico scopo quello di vendere e di aumentare il proprio bottino. Nella mia pasticceria creo dolci ed accompagno i miei clienti in un dolce viaggio di sensi.

Consigliaci un abbinamento insolito con La Gata
Con una crema di zabaione allo zibibbo. Lo Zibibbo è un vino dolce liquoroso che regala alla crema un gusto più gentile ed avvolgente, che ben si sposa con il cioccolato. Uno dei sapori predominanti de La Gata.

Ringraziamo Alessandro Righetto e vi aspettiamo mercoledì prossimo per una nuova intervista.



Pasticceria Dolci Pensieri - Schio

Questo mercoledì incontriamo Roberto Agosti, della Pasticceria Dolci Pensieri di Schio, uno sei sette soci fondatori del nostro consorzio.


Il tuo negozio in poche parole

La Pasticceria Dolci Pensieri è un locale storico di Schio. Sono nella sede attuale dal 1985, ma posso dire che la mia famiglia ha scritto la storia dolciaria di Schio degli ultimi 30 anni. Il cliente da me può trovare gelato artigianale, un’ampia scelta di pasticceria mignon e dolci per ogni occasione, tutto realizzato con materie prime di indiscussa qualità, senza l’utilizzo di semilavorati o prodotti terzi. Sono specializzato anche nella realizzazione di uova di Pasqua. Il più grande che abbia mai fatto era alto 2,5 metri e pesava 212 chilogrammi.

 

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?

Perché è un ottimo dolce che, nella sua semplicità, presenta molte sfumature che derivano dall’utilizzo di ingredienti quali il miele, la grappa e la farina di Mais Marano. Poi è senza dubbio un prodotto curioso e versatile, che si presta benissimo a diversi utilizzi. Ottimo come prima colazione, rappresenta anche un vero e proprio nutrimento e, naturalmente la golosa conclusione di un pranzo o una cena. Per chi lo regala è poi un ottimo biglietto da visita.

 

Pasticceri: artisti o scienziati?

Essere scienziati nel nostro mestiere è indispensabile, per il rigore e per la precisione. Ma non dimentichiamoci che anche l’occhio vuole la sua parte e quindi dobbiamo tirare fuori l’artista che è in noi. Più che scienziati, però, direi che noi pasticceri ci avviciniamo di più ai farmacisti, nella vecchia definizione di speziali, perché ci viene richiesta competenza e studio. Ricordiamoci che alcuni degli ingredienti che noi usiamo derivano proprio dalla farmacia.

 

Come consigli di servire La Gata?

Con uno zabaione a base di vino dolce, servito caldo, in maniera che l’essenza del vino dia uno sviluppo aromatico al dolce.

 

Dopo questa intervista ci fermiamo per un paio di settimane. Appuntamento a mercoledì 26 agosto e buone ferie.



Pasticceria Aliani - Vicenza

A Vicenza, a due passi da Piazza dei Signori e dal Teatro Olimpico, si trova la Pasticceria Aliani. Conosciamola meglio con il proprietario, Giovanni Aliani, erede della solida esperienza del padre.


Il tuo negozio in poche parole
65 anni di attività. Una vita dedicata alla dolcezza cominciata con mio padre. La pasticceria mantiene ancora lo stesso stile, quello classico di una volta. Sembra quasi una boutique. Non ci sono tavolini, ma un banco in cui vengono esposti i nostri gioielli dell’arte culinaria, frutto di amore per il buono. Porto avanti il lavoro di famiglia con passione e rispetto.

Perchè consigli ai tuoi clienti La Gata?
Per tre ragioni. Perchè è il primo dolce di Vicenza. Espressione del sapore di questa città, di un modo di vivere e di una cultura. Poi perchè è goloso. Equilibrato nel gusto, ben strutturato. Riesce a valorizzare ogni singolo ingrediente rinsaldando la nostra tradizione gastronomica. Infine perchè è simbolo dell'entusiasmo di tanti colleghi pasticceri. Con questo dolce si è riscoperta la volontà di lavorare insieme, di collaborare per un progetto comune. Superando la chiusura e la paura della competizione.

Pasticceri: artisti o scienziati?
Artisti. La scienza mi rimanda subito alla sperimentazione chimica. Noi pasticceri siamo artisti in cucina. Creiamo, mescoliamo, inventiamo ma sempre con prodotti naturali. Quelli del nostro territorio. Il segreto è proprio di non avere segreti, se non quello di adoperare sempre ingredienti genuini. Una scelta per la qualità.

Come consigli di servire La Gata?

Semplicemente così com'è è già un dolce ricco e gustoso. Ma per un'occasione speciale si può pensare ad un abbinamento. Per chi non vuole sbagliare suggerisco di prepare una crema alla panna o allo zabaione. Per stupire invece penso ad un contrasto con una confettura. Di fragole o di arance amare. Io la preparo esclusivamente con le arance di Dubrovnik, note per avere una polpa di qualità amara. Sono sempre alla ricerca del meglio per la mia pasticceria.

Ringraziamo Giovanni Aliani e vi diamo appuntamento a mercoledì prossimo.



Al forno dei Keple - Asiago

Questa settimana andiamo a cercare refrigerio nel fresco Altopiano di Asiago. Alla scoperta del Forno dei Keple con il titolare, Pietro Bonomo


Il tuo negozio in poche parole
Intimo, caldo, familiare. Il nostro è un piccolo negozio nel centro di Asiago e l'arredamento in legno trasmette tutto il calore dei luoghi di montagna. Qui si assaporano i gusti rustici di chi è nato in mezzo al verde e alla natura. I nostri prodotti sono autentici e genuini. Poche creme e gelatine, ma leccornie sobrie, elaborati semplici della tradizione. Puntiamo sulle torte tipiche e i prodotti da forno.

Perchè consigli ai tuoi clienti La Gata?
Perchè è sempre come appena fatta. Quando si apre la confezione si possono ancora riconoscere i profumi e i sapori di un prodotto di qualità. E questo perchè dietro c'è l'impegno e la passione di pasticceri esperti, tra i migliori della provincia.  Pasticceri che hanno un unico grande limite: l’eccellenza della qualità.

Pasticceri: artisti o scienziati?
Nel lavoro del pasticcere trovano spazio entrambe le figure. L'estro dell'artista è regolato dalla precisione dello scienziato. Ogni singolo prodotto è il risultato di un'attenta ricerca del gusto. Le creazioni sono frutto di sperimentazione, passione per il buono e creatività. Un insieme di qualità che nascono dalla fusione delle figure dell'artista e dello scienziato.

Come consigli di servire La Gata?

Come prima cosa io consiglio di scaldarla un po', per rinnovare la fraganza del dolce appena sfornato. Come accompagnamento invece propongo due soluzioni. Per i più golosi una morbida crema al mascarpone. Per chi ama i contrasti invece una salsa alla frutta. Una su tutte? Una meravigliosa purea alle fragole. Libidinosa se di fragole appena raccolte tra i prati dell'Altopiano.

E ora si torna a valle, prossima tappa Vicenza, dove conosceremo un altro pasticcere



Pasticceria Gelateria Pralineria Davenicio

Nel centro di Arzignano lavora il presidente del nostro Consorzio. Scopriamo insieme le idee e i segreti di Carlo Pozza


Il tuo negozio in poche parole
Il mio è un negozio a misura di cliente: accogliente, dinamico e rispettoso della stagionalità delle materie prime utilizzate e delle proposte. La passione per la pasticceria nasce da mio padre, Venicio appunto, che ha iniziato questa attività trasferendosi, nel 1967, da Recoaro Terme ad Arzignano. Io porto avanti la tradizione di famiglia e ancora oggi mi avvalgo dei suoi consigli e della sua esperienza, come di quelli di mia madre.

Perchè consigli ai tuoi clienti La Gata?
Innanzitutto perché è un dolce veramente buono, goloso e genuino, fatto solo con materie prime di qualità. E poi perché rappresenta pienamente la terra vicentina, grazie all’utilizzo di ingredienti come il mais marano e la grappa, ed è stata creata con passione da un gruppo di artigiani che porta ancora oggi avanti un percorso di qualità in cui crede pienamente.

Pasticceri: artisti o scienziati?
Scienziati non mi piace come definizione. Siamo artisti. Ma non siamo sicuramente esempi di “genio e sregolatezza”. Siamo artisti nella fantasia e nella precisione, o, se preferisci, scienziati un po’ pazzi sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo. Una ricerca non fine a se stessa, ma vista come dono alla comunità, per trasmettere gioia e felicità ai nostri clienti. Non per niente lo zucchero è un antidepressivo naturale.

Come consigli di servire La Gata? 
Per assaporare pienamente il gusto inimitabile della Gata e la sua piacevolezza io consiglio di mangiarla da sola. Ma il nostro è un dolce molto versatile e si abbina perfettamente con una crema allo zabaione, accompagnato da un bicchiere di un vino passito importante, in grado di sostenere il cioccolato, che è un osso molto duro per quanto riguarda gli abbinamenti con i vini.

Torneremo fra una settimana a parlarvi dei nostri mastri artigiani spostandoci, per l’occasione, al fresco di Asiago.



Pasticceria Caffetteria Millevoglie - Chiuppano

Il mercoledì è tempo di interviste per La Gata. Questa settimana conosceremo meglio Marco Zaltron, della Pasticceria Gelateria Millevoglie di Chiuppano.


Il tuo negozio in poche parole
Un'avventura cominciata sei anni fa. Da dipendente ho deciso di accettare la sfida e di rilevare la Pasticceria Millevoglie, nel centro di Chiuppano. Mi sono messo in gioco spinto da una forte passione e il mio coraggio è stato premiato. Nel tempo ci siamo specializzati anche nella gelateria artigianale, per dare un valore aggiunto al nostro negozio. Siamo in continua crescita.

Perchè consigli ai tuoi clienti La Gata?
Perchè è nuova ma con sapori autentici. Cioccolato, miele, mandorle sono ingredienti semplici e golosi della nostra tradizione che ora si sono incontrati in questa nuova ricetta. Ci piace l'idea di sperimentare e ricercare nuove sensazioni, senza dimenticare, però, le nostre radici e i gusti che hanno contraddistinto la cucina per secoli. E poi La Gata si presenta con una confezione colorata, è comoda da portare in giro e ha una buona conservazione. Un regalo perfetto.

Pasticceri: artisti o scienziati?

Siamo alchimisti della pasticceria. L'alchimia studia, ricerca e sperimenta. Esplorare è fondamentale, si evita il rischio di fossilizzare il palato. Cerchiamo di andare oltre i semplici ingredienti, dialoghiamo con i prodotti per capirne il segreto e la qualità profonda. Tutti i gusti hanno qualcosa da dire e per interpretarli bisogna parlare il loro linguaggio. Con creatività.

Come consigli di servire La Gata?
È arrivata l'estate e penso a qualcosa di fresco, come la menta. Un abbinamento originale e gustoso. Si può accompagnare sia nella versione gelato, che nella versione mousse. E al momento di servire decorate il piatto con alcune foglioline di menta. Perchè anche l'occhio vuole la sua parte.

Vi aspettiamo al prossimo giro di boa con una nuova intervista!



Pasticceria Cioccolateria Caffè Marcon - Nove

Non solo ceramica a Nove, ma anche le golose specialità della Pasticceria Marcon. Conosciamola meglio con il titolare, Walter Marcon


Il tuo negozio in poche parole
Tradizione ma con lo sguardo fuori dalla finestra, sempre pronti ad afferrare nuove idee. Il nostro negozio nasce nel lontano 1970. Ma in tutti questi anni non ci siamo mai adagiati. Sempre a caccia di nuove sfide con una dose perfetta di umiltà e coraggio. Non per il successo ma perchè crediamo nel nostro lavoro. Anche La Gata è nata così, come una nuova avventura. E poi curiosità e passione che ci hanno spinti da qualche anno a specializzarci anche come cioccolateria. D'altronde se non si investe, si torna indietro.

Perchè consigli ai tuoi clienti La Gata?

Perchè è vicentina. Fatta con prodotti vicentini da pasticceri vicentini. E' autentica. Esprime tutta la territorialità berica. Nata quasi per gioco dalla mente creativa di 7 pasticceri ora è il simbolo della nostra città. Siamo orgogliosi di partecipare in modo attivo a questo progetto, è il nostro modo per promuovere una cultura e una tradizione, la nostra.

Pasticceri: artisti o scienziati?

Nè scienziati, nè artisti. Siamo artigiani. L'artigiano lavora con le mani, facendo uso di strumenti. E in quel che realizza ci mette qualcosa di personale. Con impegno nel fare le cose bene, con precisione, senza avere timore di perdere tempo. Noi pasticceri siamo così. Gli artisti lavorano seguendo l'impulso, l'estro. Gli scienziati fanno calcoli. Noi abbiamo abilità ed esperienza. Con umiltà abbiamo imparato il nostro lavoro, giorno dopo giorno. E con curiosità cerchiamo il confronto quotidiano con i colleghi. Questa è una cosa in cui credo molto: il confronto. Per imparare e insegnare. Per questo siamo entrati in un consorzio: una scuola per crescere professionalmente.

Come consigli di servire La Gata?

Con una crema al cioccolato. Il buon cioccolato, quello fondente. In alternativa si può accompagnare anche con un cioccolato speziato, alla cannella o allo zenzero. O al peperoncino, per i più temerari. Il tocco finale: una spolveratina di granella croccante.

Un grazie a Walter Marcon e buona settimana!



Caffè Pasticceria Gambarato

Oggi approdiamo a Vicenza, al Caffè Pasticceria Gambarato, gestito da Lorenzo Gambarato e dalla sorella Elisa. Sarà proprio lei a parlarci de La Gata


Il tuo negozio in poche parole 

“È una coccola di dolcezza nel caos della vita quotidiana. La storia della pasticceria Gambarato è soprattutto una storia d’amore: i nostri genitori lavoravano assieme, nostro padre era pasticcere, nostra madre commessa. Si innamorarono e, ancora giovanissimi, decisero di costruire la loro piccola attività. Così dal 1972 la pasticceria è cresciuta sotto i nostri occhi, e ora io e mio fratello ne abbiamo rilevato la gestione, riuscendo a conciliare il lavoro con la gestione di due famiglie numerose. Una delle più grandi soddisfazioni è l’essere così al centro della vita del quartiere: per qualcuno siamo come una seconda casa, un punto d’incontro, un ufficio postale a volte visto che gli habitué spesso ci lasciano pacchetti da consegnare a questo o quell’altro cliente. Magari non sarà totalmente inerente al nostro lavoro, ma indica che le persone si fidano di noi, ed è una gratificazione impagabile”.

 

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?

“La consiglio spesso a chi non è delle nostre zone e vuole provare un dolce tipico, che concentri in una fetta tutta l’anima di Vicenza. La Gata è morbida, dolce, saporita: assolutamente da provare”.

 

Pasticceri: artisti o scienziati?

“Lorenzo ama ripetere che in pasticceria è indispensabile seguire alla lettera le ricette. Naturalmente in fase sperimentale serve una buona dose di innovazione, ma quando si è raggiunto l’obiettivo per non compromettere la riuscita dei dolci la precisione è d’obbligo. È giusto che il cliente trovi sempre la qualità che cerca e che lo porta a scegliere i nostri prodotti, ovviamente unita ad una bella presentazione, ed è qui che entra in gioco la vena artistica”.

 

Come consigli di servire La Gata?

“Consigliamo di aprire La Gata circa un’ora prima di consumarla, togliendola dalla confezione e lasciandola respirare a temperatura ambiente, come fosse un buon vino. In questo modo riaffioreranno tutti i suoi profumi, e potrete gustarla al meglio”.

 

Tra sette giorni: un'altra pasticceria, un altro artigiano, la nostra Gata!



Pasticceria Gelateria Valdagnese

È ormai una piacevole abitudine chiacchierare con i nostri pasticceri artigiani. Questo mercoledì scopriremo i segreti della Pasticceria Gelateria Valdagnese. Ce ne parla Barbara Biasi.


 Il tuo negozio in poche parole

“Golosità, gentilezza, accoglienza e luce: è questo il mio negozio. Golosità, com’è ovvio vista la passione che mettiamo nel nostro lavoro; gentilezza e accoglienza perché il cliente è al centro dei nostri pensieri, ed è estremamente importante per noi che chi ci sceglie si senta a suo agio; luce perché la recente ristrutturazione del locale ha riscoperto un ambiente arioso, solare, luminoso, che ispira tranquillità e serenità”.

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?

“A chi non l’ha ancora provata consiglio La Gata perché è un dolce conviviale, da dividere con amici e parenti passando un momento simpatico in compagnia. Inoltre è d’obbligo per chi deve portare un pensiero fuori provincia, soprattutto perché è uno dei pochi dolci genuini, preparato senza conservanti, che si mantiene per ben 30 giorni d'estate e 45 d'inverno”.

Pasticceri: artisti o scienziati?

“Ormai un pasticcere dev’essere entrambe le cose: i nostri laboratori sono sempre più tecnologici e questo richiede di essere un po’ scienziati, tuttavia io mi sento più artista, o meglio artigiana. Mi piace molto creare, lavorare con le mani, infatti preparo delle catenelle ad uncinetto che poi uso per decorare le confezioni della pasticceria: cioccolatini, scatole di biscotti, …”.

Come consigli di servire La Gata?

“A me piace accompagnarla ad un vino dolce e servirla assieme ad una crema zabaione, che è semplice da preparare anche a casa. Vi spiego come: prendete 4 tuorli e 100 g di zucchero, amalgamateli con una frusta e poi aggiungete 10 cl di marsala, continuando a montare il composto per circa un minuto. A questo punto, sempre sbattendo con la frusta, potete cuocere su fuoco medio per 5 minuti, oppure a bagnomaria, procedimento più lungo ma di sicuro successo. Una delizia!”.

Un arrivederci alla prossima settimana con La Gata!



Pasticceria Cioccolateria Caffè Marcon - Bassano

Questo mercoledì ad illustrarci la sua personale visione de La Gata sarà Davide Marcon, della Pasticceria Cioccolateria Caffè Marcon di Bassano


Il tuo negozio in poche parole
“Dinamica, credo sia la descrizione che più si addice alla mia pasticceria. La nostra soddisfazione infatti sta nell’ascoltare le richieste del cliente, sia dell’affezionato che di quello di passaggio, e nel cercare di esaudirle. A dire la verità a volte è difficile mettere in pratica ciò che il consumatore ha in mente: si tratta di un lavoro di mediazione, che ha come fine ultimo la soddisfazione di chi si affida a noi per i suoi momenti più importanti, e l’assoluta qualità del prodotto”.

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?
“Perché è buona, innanzitutto. Ma, non meno importante, perché rispecchia il territorio. Così com’è fondamentale mantenere gli usi e costumi di ogni luogo, conservandone ad esempio la lingua dialettale, lo è anche far rivivere le tradizioni attraverso i prodotti tipici.
La Gata è un simbolo di questa territorialità, ed è un prodotto molto apprezzato: tanti la amano per la sua morbidezza o per il profumo caratteristico che sprigiona ancor prima di aprire la confezione, altri ne hanno sentito parlare e ne sono incuriositi”.

Pasticceri: artisti o scienziati?
“Sono entrambe componenti essenziali dell’essere pasticcere. Artisti per avere uno spunto in più, per differenziarsi, scienziati perché per raggiungere gli obiettivi prefissati è necessario ponderare bene reazioni e specificità dei vari ingredienti, combinandoli tra loro in modo perfetto”.

Come consigli di servire La Gata?
“Rivisiterei l’abbinamento classico proponendo un ristretto di Torcolato. È una salsa che si può preparare tranquillamente anche a casa, basta far ridurre il vino sul fuoco fino a un terzo del suo volume, aggiungerci pari peso di zucchero e legare con poco amido di mais. Pochi minuti di cottura e la salsa è pronta: una proposta un po’ particolare, che sarà apprezzata anche dai palati più esigenti”.

Un grazie a Davide Marcon per i preziosi consigli, alla settimana prossima con un’altra intervista!



Pasticceria Cioccolateria Dolce Bassano

Eccoci qui per l’ormai consueto appuntamento settimanale. Dal forno alla pasticceria


Intervistiamo oggi uno di quei “pasticceri sperimentali” a cui già accennavamo: Mario Sarri, vice presidente del Consorzio La Gata, che gestisce assieme alla moglie Sabrina la Pasticceria Cioccolateria Dolce Bassano.

Il tuo negozio in poche parole
“Esiste una parola che da sola racchiude in sé l’essenza di Dolce Bassano: innovativo.
Il nostro negozio, antica pasticceria del centro storico di Bassano, da sei mesi a questa parte ha cambiato volto: completamente rimodernato dal punto vendita fino al laboratorio, è un’attività sì legata alle origini, ma contemporaneamente proiettata nel futuro. La nostra filosofia e la nuova immagine sono perfettamente rappresentate dal nostro sito, che trovate all’indirizzo www.dolcebassano.it”.

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?
“Perché è uno splendido souvenir da portare a casa, gustoso e con un design accattivante. Bassano è un centro turistico, noi vogliamo fare in modo che nessun turista parta dalla nostra città senza una Gata sotto braccio, anche perché chi ha modo di assaggiarla la apprezza molto.
Ma La Gata non è appannaggio dei soli turisti: i vicentini le sono affezionati, quando l’hanno provata una volta non la lasciano più e tornano ad acquistarla, soprattutto se devono fare un piccolo regalo”.

Pasticceri: artisti o scienziati?
“Credo che il lavoro del pasticcere comprenda svariati ruoli: ti porta ad essere chimico, fisico, artista, inventore, … La conoscenza delle materie prime è fondamentale per raggiungere i risultati sperati: in questa disciplina non si può essere artisti senza essere scienziati.
Io in particolare mi definisco un astronauta, un esploratore di mondi nuovi; sono alla continua ricerca di abbinamenti, contrasti, novità, ma sempre senza dimenticare la Terra, la tradizione”.

Come consigli di servire La Gata?
“La Gata è perfetta accompagnata da uno zabaione aromatizzato al Torcolato, anche se con l’estate che avanza preferisco consigliare l’abbinamento con una pallina di gelato allo zenzero”.

Ringraziamo Mario Sarri e vi invitiamo a visitare il suo nuovo sito. Intanto appuntamento a settimana prossima con un’altra pasticceria del Consorzio!



Il Panificio Stella

Il viaggio tra gli artigiani de La Gata continua. Sentiamo oggi cosa ne pensa Sabrina Stella, titolare, assieme al fratello Silvano, del Panificio Stella di Schio


Il tuo negozio in poche parole
“La prima cosa che mi viene in mente, pensando al mio negozio, è l’allegria che si respira al suo interno. Siamo sei ragazze e lavoriamo assieme da quando il panificio è stato aperto, tra noi si è instaurata un’armonia che il cliente percepisce appena entra. Il rapporto con la nostra clientela infatti è molto diretto e la trasparenza è un punto fondamentale. Questo si rispecchia anche nell’organizzazione del laboratorio: da noi tutto è a vista, chi entra in negozio vede infornare il pane, preparare i dolci, è un po’ come sbirciare nella cucina della nonna.
La nostra filosofia si basa su prodotti caserecci e genuini, sulla tradizione, prepariamo pane e dolci, cose semplici, ma curate”.

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?
“Per la bella presentazione e il gioco che racchiude: il fatto di decorare il dolce da sé, magari tutti assieme, in famiglia. La consiglio poi a chi vuole portare un omaggio a casa di qualche ospite, è un regalo di sicuro effetto”.

Pasticceri: artisti o scienziati?
“Penso che un pasticcere sia più che altro un artista: questo particolare lavoro richiede molta fantasia e una buona dose di innovazione per continuare ad evolversi e creare così accostamenti insoliti e particolari. Io in realtà mi sento un po’ atipica in questo campo poiché amo le preparazioni tradizionali, casalinghe. De La Gata mi piace molto l’idea di avvicinare pasticceri tradizionali, sperimentali e fornai: categorie di solito ben divise e rivali, che ora collaborano per garantire la bontà e la qualità del dolce dei vicentini”.

Come consigli di servire La Gata?
“Senza dubbio con un buon bicchiere di vino, frizzantino e non eccessivamente dolce per non rendere l’abbinamento stucchevole, direi un Vespaiolo Spumante Demi Sec”.

Anche questa settimana abbiamo conosciuto meglio La Gata, e soprattutto chi la produce. A mercoledì prossimo!



Il Panificio Dalle Molle

Il tour tra i produttori de La Gata è partito. Conosciamo meglio i nostri artigiani della bontà


Iniziamo la conoscenza dei pasticceri artigiani soci del nostro Consorzio partendo dal Panificio Dalle Molle, ubicato nel centro storico di Vicenza. Ha risposto alle nostre domande Paolo Dalle Molle, titolare dell’attività.

Il tuo negozio in poche parole
“Il nostro è uno dei panifici storici di Vicenza, uno dei pochi rimasti. Cominciò l’attività mio nonno e mio padre lo seguì. Io sono la terza generazione di questa famiglia, interamente votata al lavoro da forno. Oggi gestiamo con passione il nostro panificio, dove produciamo moltissimi tipi di pane tradizionale, ma cerchiamo anche di andare incontro ai gusti moderni rinnovando le nostre proposte. Inoltre siamo specializzati in dolci da forno: pasticceria secca, biscotti, torte sono uno dei nostri cavalli di battaglia, oltre naturalmente a La Gata”.

Perché consigli ai tuoi clienti La Gata?
“La consiglio perché è un prodotto artigianale, fatto da mani esperte con ingredienti genuini. Oltretutto è un regalo perfetto da portare quando si è invitati a un pranzo o una cena: con la sua bontà e la ricercatezza della presentazione la bella figura è assicurata!
Vista la centralità del nostro panificio poi abbiamo la fortuna di poter proporre La Gata ai turisti in visita alla città, che dimostrano di apprezzarla molto”.

Pasticceri: artisti o scienziati?
“Una bella domanda: io credo che un pasticcere sia entrambe le cose, ma personalmente mi sento più artista. Come scuola io sono un artigiano, un fornaio, e quindi passo le mie giornate a contatto diretto con i prodotti; con le mani modello le materie prime per creare ciò che voglio ottenere, come del pane o un’ottima Gata, e in questo c’è una forte componente di creatività. E poi già la parola ‘artigiano’ contiene quell’arte di cui mi sento promotore”.

Come consigli di servire La Gata?

“Solitamente propongo di gustare La Gata a fine pasto, accompagnata da un calice di Torcolato o da un buon Recioto di Gambellara”.

Appuntamento a mercoledì prossimo per la prossima intervista.



Ma tu li conosci i pasticceri?

22 settimane di interviste per 22 soci. Ferie permettendo


Inizieremo a pubblicare, la settimana prossima, un ciclo di interviste ai veri protagonisti del mondo de La Gata: i nostri pasticceri artigiani. Saranno 22 appuntamenti settimanali che vi terranno compagnia fino all’autunno.

Sottoporremo i nostri soci a 4 domande ficcanti e intriganti. Li torchieremo per carpire ogni singolo segreto del loro lavoro. Cercheremo di trasmettervi la passione che mettono in ogni dolce, la maestria che offrono ai clienti e concretizzano nelle loro golose creazioni. Apriremo una finestra sul mondo della pasticceria vicentina e vi faremo sbirciare dentro.

Seguiteci, non ve ne pentirete.



La Gata prezzemolina

Nuova scorribanda televisiva per La Gata. A quando la conduzione di una trasmissione?


La nostra Gata è proprio vanitosa. Non perde occasione per farsi notare e per apparire. L'ultima occasione è stata la partecipazione di Carlo Pozza alla trasmissione La Vita in Diretta, in onda tutti i pomeriggi su Rai1 e condotta da Lamberto Sposini.
Fra ospiti illustri, su tutti Enzo Vizzari, direttore delle Guide de L'Espresso, e in mezzo a cascate di cioccolato Carlo ha parlato della sua attività di pasticcere, del cibo degli dei e soprattutto del nostro dolce.
Un video goloso, tutto da gustare, che vi invitiamo a guardare. Una sola raccomandazione: se vi viene voglia di leccare lo schermo del computer cercate di trattenervi: il gusto di cioccolato, purtroppo, non si sente.



La Gata ammalia anche Davide Paolini

Al Gastronauta piace il nostro dolce. E lo dice anche a Radio24


L'appuntamento quotidiano con il Gastronauta su Radio24 è imperdibile per molti appassionati di enogastronomia. Gastronauta è il marchio di fabbrica di Davide Paolini, giornalista che gira l’Italia alla continua scoperta di sapori dimenticati. Con la sua capacità di raccontare questo mondo, e quindi con la testa, ha avviato una serie di fortunatissime iniziative: una trasmissione quotidiana su Radio24 e una settimanale il sabato (in replica la domenica); una rubrica sul Sole 24ore; un sito internet; libri e guide dei ristoranti; corsi, seminari, convegni sul mondo dell’enogastronomia.

Lo scorso 18 marzo era a Vicenza, alla tavola rotonda dedicata alla presentazione del menu Artù, e ha avuto modo di assaggiare il nostro dolce nel corso della cena di gala realizzata dal ristorante La Peca di Lonigo. Menù Artù è un'iniziativa dell'Associazione Artigiani di Vicenza, inserita nella settimana dell'Artigianato, che ha raccolto un ottimo risultato.

Non potevamo, ovviamente, non regalare una Gata ad una persona così attenta ai sapori del territorio, così curiosa e cosi golosa. 

Regalo che è stato apprezzato a tal punto da dedicargli la sua striscia quotidiana su Radio24, che ovviamente abbiamo prontamente recuperato.

Buon ascolto a tutti.



Una Gata di lusso

ViArt ha portato il nostro dolce alla settima edizione di Luxury and yachts a Vicenza


Gli amici di ViArt hanno deciso, nel corso dell'ultima edizione del Salone Internazionale del Lusso, di fare assaggiare il nostro dolce agli ospiti del loro stand. A intervalli regolari veniva offerto il the, servito grazie agli artigianalissimi argenti dell'Argenteria Carlo Rossi, accompagnato da una bella fetta di Gata.

Un ottimo ristoro per tutti gli spossati visitatori della fiera.



La Gata porta bene

Anno nuovo, soddisfazioni nuove


Vi ricordate la maglietta che Le Iene regalavano ai VIP dello spettacolo e dello sport riportanti la scritta "Le Iene portano bene"? Iniziamo a pensare di farle anche per La Gata, visto il successo che i nostri soci stanno avendo nel mondo della pasticceria. 
Dopo il premio Progresso Economico conferito a Walter Marcon, è arrivato un nuovo riconoscimento a uno dei soci del Consorzio. Parliamo del presidente Carlo Pozza,  della pasticceria Davenicio, che avrà l'onore di vedere pubblicate le ricette di tre sue creazioni sul primo volume della collana "Scuola di pasticceria", in distribuzione da venerdì 27 con il Corriere della Sera. Un nuovo traguardo per Pozza e per tutto il Consorzio La Gata.
Un ultimo avvertimento: non andate in edicola a cercare la ricetta de La Gata. Quella, i nostri artigiani, se la tengono stretta. 



La gatta frettolosa fece i gattini ciechi

Golose novità in arrivo


Così ci hanno sempre insegnato. 

La Gata (quella nostra) in realtà non ha alcuna fretta, perché vuole fare gattini che ci vedano benissimo e che guardino lontano. Per questo i nostri mastri artigiani stanno lavorando, ormai da tempo, su nuovi prodotti. Diligenti ma creativi, i soci del Consorzio sono stati divisi in due gruppi, ognuno dei quali sta mettendo a punto un nuovo prodotto artigiano da affiancare all'ormai famoso dolce tipico vicentino. 

I prodotti sono stati presentati all'annuale riunione-tasting panel fra i soci, e sono stati sottoposti a valutazioni incrociate. Per un giorno intero gli allenati e raffinati palati dei nostri pasticceri hanno assaggiato, degustato e si sono messi al servizio del Consorzio. Dai giudizi espressi si parte ora per la fase finale di rifinitura e aggiustamento delle ricette. Quindi restate sintonizzati, che ben presto vi presenteremo dolci novità. 

Quali saranno questi nuovi prodotti? Non abbiate fretta, non vogliamo fare i gattini ciechi. 



Le rosse magliette della passione

Anche La Gata ha la sua maglietta. Che vi aspetta


Sono pronte. Sono rosse. E sono belle. 

Parliamo delle magliette della nostra amata Gata. Realizzate in collaborazione con l'azienda Veneton, si presentano di colore rosso sgargiante, il colore della passione. Passione che unisce tutti i pasticceri artigiani del nostro consorzio, tutti i dipendenti e tutti i collaboratori.

Perché, diciamolo, La Gata è un dolce che appassiona, che crea dipendenza. Sarà l'uso di ottimo cioccolato, sarà la fragranza del dolce, sarà l'abilità dei nostri soci, ma vi possiamo assicurare: chi prova La Gata non la lascia più. E non si lascia scappare nemmeno la sua maglietta.

Passate a trovare i nostri pasticceri e chiedete loro informazioni sulla maglietta della Gata.

E acchiappatela, prima che possa scappare.



La Gata sposa il Torcolato

Scelto il vino che accompagnerà il nostro dolce nelle confezioni natalizie


Il natale si avvicina e in molti hanno deciso di regalare, a parenti e amici, il nostro dolce.

Vuoi per la sua simpatia, vuoi per la bontà, vuoi per il packaging ben curato, La Gata è sempre un regalo gradito e mai banale.

Come negli anni scorsi, anche per le festività imminenti il nostro dolce viene proposto, dai nostri mastri pasticceri, in abbinamento a un vino dolce, anch'esso simbolo della terra berica. La scelta non poteva che cadere sul famoso Torcolato di Breganze, che, nella selezione Bosco Grande, è il prodotto di punta della Cantina Beato Bartolomeo. La tenuta Bosco Grande è il fiore all'occhiello della Cantina Beato Bartolomeo, curata direttamente dai tecnici interni con particolare cura e dedizione. La tradizione vuole che a Breganze i grappoli migliori di uva vespaiola vengano separati dagli altri per essere attorcigliati (in-torcolati, da cui probabilmente il nome) a degli spaghi e appesi ai granai delle case. Qui vengono lasciati fino a gennaio per essere direttamente torchiati, tanto il succo che ne esce è denso. Il mosto viene avviato ad una lenta fermentazione e all’affinamento in piccole botti di legno, ottenendo un vino per le grandi occasioni. 

Il Torcolato Bosco Grande è un vino dai profumi di miele, uva matura, mele e un leggero sentore di vaniglia dato dal contatto con il legno. Il palato è dolce e pieno, di buon corpo, di grande equilibrio fra acidità e zuccheri e di lunga persistenza. Servito a 12-14° C è un degno compagno de La Gata.



La Gata su Costume e Società

Servizio del TG2. La Gata e il presidente Carlo Pozza fra i protagonisti


Le telecamere del TG2 Costume e Società hanno dedicato un servizio al recente Simposio dell'Accademia Maestri Pasticceri Italiani che si è tenuto a Verona lo scorso 11 novembre. La Gata è fra i protagonisti del video, mentre il nostro presidente Carlo Pozza è stato brevemente intervistato. 
Alla manifestazione veronese i nostri pasticceri del Veneto si sono fatti ulteriore onore vincendo il concorso sul miglior allestimento del Tavolo di Gruppo di Presentazione dei prodotti da degustare e delle realizzazioni dolciarie delle strutture coreografiche.
Il video con il servizio è disponibile su Youtube cliccando qui.



I blogger e La Gata

La Cucina di Adina dedica un post al nostro dolce


La Cucina di Adina, uno dei blog di cucina e ricette più seguito, dedica un intero post a La Gata. Ricevuto in regalo per Natale, anche Adina si è divertita a decorare il dolce con le zamp ine del gato, grazie al pratico kit composto da stencil e zucchero a velo che potete trovare all'interno della confezione. 
Cosa aspettate a divertirvi un po' anche voi?



La Gata su Facebook

Iscrivetevi anche voi al Fans Club del nostro dolce


Ormai la vita di tutti i giorni non può più prescindere dall'esistenza di internet. E internet non può più prescindere da Facebook. Il social network più famoso del mondo è ormai un appuntamento quotidiano imprescindibile per più di 120 milioni di utenti.

La Gata non poteva non essere presente anche su Facebook e quindi è stato aperto un fans club per raccogliere tutti gli estimatori del dolce tipico vicentino. 

Diventate fan anche voi, iscrivetevi qui.



La Gata spopola al Concorso Europeo di Teatro Amatoriale

Il dolce vicentino ha accompagnato la Compagnia di Barbarano ad Arezzo. Quattro i premi conquistati


Riprendiamo, dal numero di  settembre del Basso Vicentino, la notizia che la Compagnia di Barbarano si è aggiudicata quattro premi al Concorso Europeo di Teatro Amatoriale di Montagnano (Arezzo): miglior attore, attrice, regia e scenografia.
Ad accompagnare i bravi attori vicentini i vini dei Colli Berici e il nostro dolce, che sono stati "...assai apprezzati da tutti, andati letteralmente a ruba".
Continua, quindi, proficuamente il legame de La Gata con il teatro. Come non ricordare, infatti, la presentazione ufficiale avvenuta al Teatro Comunale Città di Vicenza. Per l’occasione il gruppo cabarettistico “Anonima Magnagati” ha portato in scena il meglio del proprio repertorio, mutando il nome in “Anonima Magna La Gata”.
Lo spettacolo continua.



La Gata su Wikipedia

Anche l'enciclopedia libera parla del nostro dolce


Se cercate su Wikipedia, l'enciclopedia libera on line, il termine "Cucina vicentina" fra i dolci troverete anche La Gata.

Questa la definizione che i redattori della pagina hanno inserito: "Una ironica versione moderna di vicentini magnagati ha portato a produrre un dolce denominato La Gata che utilizza ingredienti del la tradizione (non manca un goccio di grappa) nel tentativo di colmare la lacuna nella gastronomia locale che di fatto non vanta un dolce tipico".
Se avete un po' di tempo vale comunque la pena leggere l'intera pagina